fbpx

Sono arrivate diverse segnalazioni con la richiesta di rimborso di servizio non richiesto H3G. Ovvero, tanti utenti della compagnia telefonica 3, si sono ritrovati, senza la propria volontà, l’attivazione di un abbonamento a pagamento, in aggiunta al loro piano tariffario, senza averne fatto esplicita richiesta. Come fare per richiedere un rimborso di un servizio non richiesto H3G? Scopriamolo assieme…

Disattiva il Servizio non Richiesto ed ottieni il Rimborso

Molti utenti, lamentano addebiti  di somme per servizi non richiesti effettuati dalla compagnia telefonica H3G sotto varie voci :

  1. Contenuti Portale 3,
  2. Musica, giochi 
  3. servizi di M-Services 
  4. servizi di Atono- 4885509.

Le  norme dettate dall’Autorità in materia di attivazione di servizi  a pagamento non richiesti, ed in particolare l’articolo  3 della Delibera  Agcom 664/06/CONS, prevedono:

“ai sensi dell’art. 57 del Codice del consumo, è vietata la  fornitura di beni o servizi di comunicazione elettronica, anche solo supplementari rispetto ad un contratto già in esecuzione, in mancanza della loro previa ordinazione da parte dell’utente. È altresì vietata la  disattivazione non richiesta di un servizio di comunicazione elettronica.

 In ogni caso, la mancata risposta dell’utente ad una offerta di fornitura non significa consenso. In caso di attivazioni, disattivazioni di linee, contratti  di forniture di beni o servizi non richiesti, gli operatori, non pretendono dagli utenti alcuna prestazione corrispettiva, e provvedono, a loro cura e spese, al ripristino delle condizioni tecniche e contrattuali preesistenti o al ritiro di  detti beni.

  Tutti i costi, tra  i quali quelli derivanti dal  ripristino della precedente configurazione, sono a carico dell’operatore che ha disposto l’attivazione o la disattivazione della prestazione  non richiesta dall’utente, che, pertanto, non è tenuto ad alcuna prestazione corrispettiva. La violazione delle disposizioni di cui al comma 1, determina l’applicazione nei confronti dell’operatore della sanzione amministrativa pecuniaria nella misura edittale prevista dall’art. 98, comma 11, del Codice”.

Quanto conta la volontà del cliente ai fini del rimborso per servizi non richiesti?

Dunque, il gestore telefonico, per adempiere formalmente e sostanzialmente al dettato dell’articolo  3 della Delibera sopra citata, avrebbe dovuto procedere alla preventiva verifica della volontà  inequivoca del cliente prima dell’attivazione di qualsiasi servizio a pagamento (in tal senso,  ex plurimis,  Delibere Agcom n. 87/13/CRL  e n. 92/13/CRL),  verifica  che, nel caso  di specie, non risulta essere stata effettuata.

H3G, su cui incombeva il relativo onere probatorio, non ha neppure illustrato la natura dei servizi attivati e poi contabilizzati in fattura. Inoltre, non  ha fornito né la prova della richiesta dell’utente all’attivazione dei predetti servizi, né la prova dell’invio all’utente degli sms di attivazione, compresi quelli settimanali inviati dai provider dei servizi stessi. La cui ricezione, pur ammessa dall’utente, non ovvia  alla mancata previa acquisizione della positiva volontà dell’utente medesimo di vedersi attivati quei servizi. 

Né ha rilievo, a tal fine, quanto eccepito da H3G circa la tardiva  contestazione dall’utente. Infatti, la mancata (o tardiva) contestazione della fattura, non può ritenersi accettazione tacita dell’attivazione del servizio non richiesto.

Disattiva il Servizio non Richiesto ed ottieni il Rimborso

Delibera Agcom 664/06 per rimborso servizi non richiesti?

Pertanto, le deduzioni difensive e la documentazione prodotta dalla società H3G, non risultano in alcun modo idonee a provare la volontà del cliente, che deve essere inequivoca ed espressa, di attivare  i servizi contestati. I quali, in mancanza della “previa ordinazione da parte dell’utente”, come richiesto dalla Delibera Agcom n. 664/06/CONS, possono ritenersi  servizi non richiesti.

Dunque, ove l’operatore  non sia in grado di dimostrare, nelle dovute forme, la ricezione di una richiesta  dell’utente, (ovvero le eventuali problematiche tecniche – non imputabili all’operatore stesso) la quale ha determinato l’attivazione contestata, l’utente ha diritto allo storno/rimborso dei corrispettivi addebitati per i servizi non richiesti.

Nonché, ad un indennizzo per ogni giorno di attivazione non richiesta del servizio, ai sensi dell’articolo 8, comma 2, della Delibera Agcom n. 73/11/CONS, Allegato A.

Pertanto, l’utente, ha diritto al rimborso dei seguenti importi addebitati per servizi non richiesti (e pagati) nelle seguenti fatture, prodotte agli atti del procedimento dall’utente e da H3G:

Quanto all’indennizzo per attivazioni di servizi accessori non richiesti (di cui all’art. 8, comma 2, Allegato A alla Delibera 73/11/CONS), le decisioni AgCom ex adverso, invocate per escluderne l’applicabilità, non sono conferenti al caso specifico, trattandosi di pronunce in tema di tariffazione di traffico extra-soglia.

Mentre, la presente pronuncia ha ad oggetto la contestata attivazione di servizi accessori -definiti “in abbonamento” da H3Gnon richiesti dall’utente.

Summary
Rimborso servizio non richiesto
Service Type
Rimborso servizio non richiesto
Provider Name
disserviziotelefonico.it, Telephone No.0656547258
Description
Sono diversi i casi in cui la compagnia telefonica H3G addebita servizi non richiesti ad utenti inconsapevoli. Ma ormai, grazie a disseviziotelfonico.it, sono altrettanto numerosi i casi in cui la H3G è costretta ad offrire un rimborso per servizi non richiesti.

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo della nostra associazione è proprio garantire tutela a tutti i consumatori e far valere sempre i loro diritti!

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Contattaci mediante il FORM DEDICATO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: