Nel momento in cui decidiamo di attivare un abbonamento con qualsivoglia gestore di telefonia o internet, ovviamente, per prima cosa facciamo una cernita di tutte le offerte degli operatori, cercando di capire quale abbonamento possa fare al caso nostro. 

Una volta fatto questo filtro, siamo pronti per l’attivazione di un abbonamento, e quando sottoscriviamo il contratto con il gestore, ci aspettiamo che l’operatore rispetti gli standard promessi nel contratto, e che se ci dovessero  essere dei cambiamenti in corso d’opera, ci avvisi in modo adeguato lasciandoci la facoltà di accettare o meno le eventuali nuove condizioni contrattuali.

Anche perché, una volta sottoscritto l’abbonamento, si resta vincolati all’operatore per un periodo di tempo che va dai 12 ai 24 mesi, pena, il pagamento di penali dovute al recesso anticipato. Ma è sempre così? Ci sono dei momenti in cui è possibile recedere dal contratto senza pagare penali? Cerchiamo di rispondere a questi interrogativi, e capire come fare per recedere da un contratto con Tim senza dover pagare penali.

Quali sono le condizioni abituali del contratto con Tim.

Di norma, come accennato prima, quando firmiamo un contratto con Tim, ma questo vale anche per altri operatori, in virtù di un’offerta in abbonamento con un prezzo agevolato, ci viene richiesto di rispettare il contratto per un periodo minimo di almeno 12 mesi.  Di conseguenza, se durante questo periodo contrattuale, decidiamo di recedere dal contratto senza un motivo realmente giustificato, dobbiamo pagare delle penali. Le penali che abitualmente vengono fatte pagare ai clienti, corrispondono alla restante cifra da pagare fino alla naturale scadenza del contratto. 

Esempio, se io stipulo un contratto con Tim, per il quale sono vincolato per 24 mesi, e pago un abbonamento mensile di 20 euro, se dopo 14 mesi decidono liberamente di voler recedere dal contratto, la penale che dovrò pagare, sarà la somma di 6 mesi x 20, ovvero, 120 euro.  Ovviamente, se ho acquistato anche un cellulare o altro dispositivo, la cifra da pagare, e le condizioni dell’abbonamento potranno essere differenti.  

Come recedere dal contratto senza dover pagare penali

Quindi, abbiamo visto come, recedere da un contratto con Tim senza un motivo giustificato possa comportare un costo. Però, esiste anche un modo per recedere da un contratto senza pagare alcuna penale. Ovvero, se durante il periodo contrattuale, la Tim, dovesse cambiare le condizioni contrattuali aumentando il costo dell’abbonamento, allora, siccome tale operazione non è dipesa da noi, ed è imputabile all’azione del gestore, noi siamo autorizzati a recedere dal contratto senza pagare penali. Inoltre, è possibile recedere dal contratto anche nel momento in cui, la Tim, non dovesse rispettare gli standard promessi, procurando un disservizio di linea in maniera costante. In tali circostanze, potete richiedere il rimborso.

Come facciamo a sapere quando ci sono aumenti?

Nel momento in cui la Tim, dovesse decidere di cambiare le condizioni contrattuali in corso d’opera, deve per legge inviare una comunicazione a tutti i clienti interessati da tale provvedimento. La comunicazione può essere effettuata tramite mail, sms ed in fattura. Quindi, vi consigliamo di controllare sempre la fattura alla voce condizioni contrattuali, perché li dovreste trovare l’annuncio che vi comunica che, a partire da quella data, il vostro abbonamento subirà un aumento.

Se avete ricevuto tale comunicazione, avete 30 giorni di tempo per effettuare il recesso dal contratto per poi fare la migrazione verso altro operatore.

Quali sono i contatti ufficiali per comunicare il recesso?

Qualora vi doveste trovare nelle condizioni di dover effettuare un recesso di contratto con Tim, vi consigliamo di inviare la vostra richiesta verso questi contatti ufficiali. Vi consigliamo anche di attivare una pec, in quanto, la pec è un documento ufficiale, e per qualsiasi tipo di operazione voi facciate con Tim o meno, può essere utilizzata come prova di comunicazione. 

  • Lettera all’indirizzo postale “Telecom Italia Servizio Clienti Business, Casella postale n. 456 – 00054 Fiumicino Roma”
  • Fax al numero gratuito 800.000.191
  • PEC all’indirizzo telecomitalia@pec.telecomitalia.it
  • Sito web timbusiness.it
  • Servizio Clienti 191
Summary
Come recedere da un contratto con Tim senza pagare penali
Article Name
Come recedere da un contratto con Tim senza pagare penali
Description
Nel momento in cui decidiamo di attivare un abbonamento con qualsivoglia gestore di telefonia o internet, ovviamente, per prima cosa facciamo una cernita di tutte le offerte degli operatori, cercando di capire quale abbonamento possa fare al caso nostro.  Una volta fatto questo filtro, siamo pronti per l’attivazione di un abbonamento, e quando sottoscriviamo il contratto con il gestore, ci aspettiamo che l’operatore rispetti gli standard promessi nel contratto, e che se ci dovessero  essere dei cambiamenti in corso d’opera, ci avvisi in modo adeguato lasciandoci la facoltà di accettare o meno le eventuali nuove condizioni contrattuali.
Author
Publisher Name
Disservizio Telefonico
Publisher Logo

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo della nostra associazione è proprio garantire tutela a tutti i consumatori e far valere sempre i loro diritti!

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Contattaci mediante il FORM DEDICATO oppure chiamaci al seguente recapito telefonico 0656547258