fbpx

Multe strisce blue

Condividi

Fare assolutamente ricorso al giudice di pace se si è presa una multa da un photo red sospetto. Così Sos Consumatori invita tutti i consumatori automobilisti a reagire al potere dei comuni. Finalmente i nodi arrivano al pettine e qualcuno inizia a pagare veramente per la truffa dei T Red (i semafori che colpiscono le tasche degli italiani). Una spregiudica e politicizzata ideologia ha portato alla follia di pensare di ridurre milioni di italiani, costretti ad usare l’auto per bisogno, a piccoli delinquentelli del quartierino.

Telefono Blu Consumatori da 10 anni denuncia la “tracotanza” delle amministrazioni locali e assiste migliaia e migliaia di automobilisti nei ricorsi ai Giudici di Pace in ogni angolo della Repubblica e riceve dai propri siti decine di denuncie al giorno. Ma ora non basta montare il tipico caso clamoroso, sparando cifre di rimborsi impossibili e fare la solita “cagnara” all’italiana che alla fine significa non risolvere nulla. L’associazione per questo mette a disposizione per i ricorsi tutti i propri uffici legali presenti in ogni città d’Italia, Uno staff di legali è pronto ai ricorsi e poi Telefono Blu attiva una petizione on line per un disegno di legge che preveda l’obbligo dei 5 secondi fra il giallo ed il rosso del semaforo e l’obbligo di costruire rotonde negli incroci ritenuti pericolosi invece che installare i T Red. Non solo, l’associazione sta anche studiando il sistema per costituirsi parte civile nei confronti dei Comuni, dei Sindaci, degli Assessori che abbiano fatto i “furbetti” della serie: chi la fa l’aspetti. Il presidente nazionale di Telefono Blu Pierre Orsoni rincara la dose, è questa la vera rivoluzione per cui occorre scendere in piazza, alzare la testa per dichiarare che siamo cittadini e non sudditi.

La Cassazione a sezioni unite, con una sentenza senza precedenti, obbliga gli amministratori comunali a realizzare parcheggi gratuiti accanto a quelli a pagamento a fascia oraria (strisce blu), con esclusione delle zone a traffico limitato. Molti comuni di fatto hanno trasformato le strade delle Città in parcheggi a pagamento, costringendo così i consumatori a pagare due volte, prima con le tasse generaliste e poi per l’utilizzo.

Eventuali ricorsi di massa potrebbero stabilire che circa il 50% delle multe sarebbe da cancellare. I grandi Comuni tentano di riparare considerando le zone Ztl e zone di divieto, ma sarà difficile anche per loro coprire con tali provvedimenti l’intero territorio. Insomma e’ guerra.

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo di Disservizio Telefonico è proprio garantire tutela a tutti i consumatori e far valere sempre i loro diritti!

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Contattaci mediante il FORM DEDICATO

Comments are closed.

Network

DisservizioTelefonico


RimborsoSicuro


SosViaggiatore

Sedi Disservizio Telefonico

Apri chat
1
Hai bisogno di aiuto?
Ciao,
hai bisogno di assistenza?