Telefono assente Fastweb

Linea del telefono assente Fastweb, malfunzionamento o interruzione

fastweb_logo

Se dovesse risultare il telefono assente Fastweb e, nonostante la segnalazione, l’assistenza non è tempestiva, non vi resta che attivare la procedura per ottenere il ripristino del servizio telefonico e la corresponsione dell’indennizzo che vi spetta.

Infatti, spesso vi capita di riscontrare problemi sull’utenza della compagnia telefonica Fastweb, generalmente dipesi da un guasto tecnico alla cabina territoriale del proprio distretto.

In siffatte ipotesi:

• la prima cosa da fare sarà quella di contattare il servizio clienti Fastweb al numero verde 192193 (attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7), segnalando la problematica riscontrata come “linea telefonica assente”;

• espletando tale procedura, vi verrà assegnato un ticket di segnalazione attraverso il quale, accedendo all’area clienti Fastweb inserendo le vostre credenziali (numero fisso dell’utenza e password), potrete monitorare lo stato di avanzamento dell’intervento sulla vostra linea telefonica;

• in seguito alla segnalazione di guasto, generalmente Fastweb provvede al ripristino della linea telefonica entro i 2/3 giorni successivi;

• qualora la Fastweb non dovesse rispettare tali tempistiche, essendo quello telefonico un servizio al quale avete diritto venga reso regolarmente e secondo rigorosi standards contrattuali, avrete la possibilità di rivolgervi all’Autorità Regionale Competente al fine di ottenere un ripristino della vostra utenza, nonché un indennizzo in vista del danno subìto.

Infatti, forse non sapevi che tutte le compagnie telefoniche, con l’attivazione di un’utenza, stipulano automaticamente con il proprio cliente una Carta dei Servizi con la quale si impegnano a rispettare determinati canoni qualitativi e quantitativi, obbligandosi altresì a corrispondere degli indennizzi in caso di inottemperanza.

Nel caso di specie, la Carta dei Servizi Fastweb prevede che per ogni giorno di ritardo accumulato l’utente possa richiedere un indennizzo pari a 5 euro per gli abbonamenti residenziali e a 10 euro per gli abbonamenti Partiva Iva, con un indennizzo massimo di 10 giorni in caso di:

– Mancata attivazione del servizio telefonico decorsi 60 giorni dalla proposta di abbonamento;

– Mancato intervento tecnico entro 72 ore della segnalazione di guasto.

Con la Carta dei Servizi, dunque, la Fastweb si fa carico di precisi impegni ed obblighi contrattuali che però sempre più spesso non vengono rispettati, lasciando l’utente nella propria insoddisfazione e disagio inascoltato. Numerose sono, infatti, le segnalazioni che ci giungono dai clienti della Fastweb rimasti inascoltati dalla propria compagnia telefonica e che ci chiedono chiarimenti ed assistenza legale.

Tra le molteplici:

“Buongiorno, vi contatto perché da diversi giorni la linea telefonica mi risulta staccata e nonostante i diversi solleciti alla fastweb non è stato ancora fatto alcun intervento. Cosa posso fare?” Spero di essere contattata quanto prima”.

Questa è soltanto una delle tantissime richieste di aiuto che riceviamo, in seguito alle quali procediamo ad offrire assistenza legale gratuita, dalla procedura conciliativa a quella giudiziaria (qualora risulti necessario) all’esito delle quali l’Autorità adita nella stragrande maggioranza dei casi, accoglie l’istanza proposta, condannando la Fastweb al ripristino della linea telefonica per il suo corretto funzionamento, nonché alla corresponsione di un indennizzo o importo risarcitorio.

Nella quasi totalità dei casi, le procedure attivate in seguito alle vostre richieste di aiuto, vedono come esito il ripristino immediato della linea telefonica per il suo corretto funzionamento, nonché la condanna posta a carico della Fastweb del pagamento di un importo a titolo di indennizzo o addirittura a titolo risarcitorio. E ciò non soltanto per l’effetto della violazione di quanto contrattualmente pattuito con la Carta dei Servizi, ma soprattutto per l’effetto delle disposizioni del codice civile in materia di risarcibilità del danno.

Tra le diverse sentenze di accoglimento delle vostre istanze per il tramite dell’Associazione SOS Consumatori, vi riportiamo quella del Giudice di Pace di Cassino del 13.06.2015:

“La sospensione del servizio in assenza di congruo preavviso è affetta da illiceità; pertanto, in ragione dell’uso della linea telefonica deve ritenersi, in applicazione di una regola di esperienza di difficile smentita, che l’interruzione improvvisa della medesima sia idonea ad arrecare disagi e danni […] pertanto la domanda di risarcimento non può che trovare accoglimento e la convenuta va condannata al pagamento di euro 738.98 come danno non patrimoniale sofferto e causato dall’illegittimo comportamento della società convenuta”.

Il Giudice, in caso di lesione di diritti fondamentali del consumatore per violazione contrattuale o mancata esecuzione del contratto, quando ne ricorrono gli estremi, non può che condannare le compagnie telefoniche a tutela di quello che risulta essere troppo spesso il contraente più debole, cioè il cliente.
La nostra associazione, che da sempre si batte per la tutela e difesa dei diritti dei consumatori, non fa altro che prendersi cura del cliente, gestendo la pratica dalla fase stragiudiziale a quella, se necessaria, giudiziale, senza pretendere alcunché, se non la condivisione della vittoria che sempre di più ci sprona a portare avanti questo nostro progetto, nato come passione più che come lavoro.

Se anche tu hai bisogno della nostra consulenza, chiama gratuitamente al numero verde 800 177 569 (solo da rete fissa), al numero 081 503 23 22 (anche da rete mobile), oppure scrivi attraverso il MODULO CONTATTACI ed un nostro consulente ti aiuterà passo passo nel formulare le tue richieste.

Disserviziotelefonico.it da sempre dalla parte dei più deboli.

error: Content is protected !!